Consenso all'uso dei cookies

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Per maggiori dettagli leggi l'INFORMATIVA ESTESA. Accettando acconsenti all'uso dei cookies.

INFORMATIVA ESTESA

ItalianoEnglish
Trova articoli
Categorie
Speciali
DVD Cinico TV - Volume primo 1989 - 1992 ( DVD & Book )
 Cinico TV - Volume primo 1989 - 1992 ( DVD & Book )
 
74,90 €
Acquista questo articolo
Acquista
Questo articolo vale 17 punti per la tua raccolta punti promozionali

  Richiedi ulteriori informazioni su questo articolo
Ulteriori informazioni

Label: Cineteca Bologna  (Italia)
Condizioni: Nuovo
Area: 2
Sistema: PAL
Ratio: 4/3 - 1.33:1
Audio: Italiano (2.0 Mono Dolby Digital)
Sottotitoli: Italiano, Inglese
Durata: 236
Dischi: 1
Confezione: Cofanetto
Extras:
Booklet: un’introduzione di Enrico Ghezzi
conversazioni con Daniele Ciprì e Franco Maresco
uno ‘storico’ testo di Alberto Farassino
interviste originali a Anna Manzo
Angelo Guglielmi e Goffredo Fofi
testimonianze di compagni di strada di Cinico Tv (Giuseppe Lo Bianco
Marcello Benfante
Silio Bozzi
Mario Bellone)
un contributo di Emiliano Morreale
antologia critica e dizionario dei personaggi.
Descrizione articolo: La serie più estrema e corrosiva, cupa ed esilarante, disfatta e disfattista, oltraggiosa e rigorosa della televisione italiana. Quello di Ciprì e Maresco sull'Italia degli anni Novanta, decennio chiave di un mutamento culturale, è stato uno sguardo "abissale" (Enrico Ghezzi), una lunga panoramica impassibile e feroce, capace di fare ridere in un modo disturbante e nuovo. La serie andò in onda su RaiTre, per essere poi fatta circolare in frammenti, negli anni successivi, da Fuori orario e Blob. Serie amata o detestata, capace di muovere accese repulsioni e altrettanto accesi dibattiti intellettuali: sul trash, sull'estetica del brutto, sul postmoderno, il post-storico, la fine dell'umano. Palermo, Italia: un bianco e nero ricercato e carico di nubi confligge con i corpi sbracati, con lo squallore di un universo popolato da personaggi borderline, ovvero oltre ogni limite del visibile ordinario. Era il mondo storto del ciclista Francesco Tirone, del petomane Giuseppe Paviglianiti, del cantante fallito Giovanni Lo Giudice, delle 'schifezze umane' Carlo e Pietro Giordano, dell'afasico uomo in mutande Miranda, dell'occhialuto Giuseppe Filangeri... Nel degrado urbano e umano, in questa terra desolata, in questa smozzicata e cacofonica conversazione in Sicilia, la comicità era il primo gesto critico: "Non urlo o risata fragorosa: urli muti, subito troncati, senza eco, e risate a freddo. Comicità minima e iperbolica" (Ghezz
I clienti che hanno acquistato questo articolo hanno acquistato anche:
Ordine
Mostra il contenuto del carrello
Il carrello è vuoto
Accesso a My Kultvideo